Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Continuando la navigazione su omeopata.org senza modificare le impostazioni del browser, l'utente accetta tale utilizzo.

Accetto
Omeopatia Roma
omeopata.org Dr. Candeloro omeopata Omeopatia Hahnemann Indicazioni Guarigione link divulgazione contatti
romaexplorer

La visita omeopatica

 
La visita omeopatica consta essenzialmente di due tempi principali: nella prima parte il medico rivolge al paziente una serie di domande, che hanno lo scopo di indagare sugli antecedenti familiari e su quelli legati al periodo dello sviluppo, nonché sulle eventuali malattie del passato e le relative cure effettuate; la seconda parte, invece, si sofferma sull’esame fisico dei singoli organi ed apparati, esattamente come avviene in una visita medica tradizionale. L’unico aspetto che la differenzia da questa, però, è l’insieme di domande riguardanti i sintomi attuali, quelli cioè che hanno condotto il paziente a rivolgersi al medico.

Metodologia della visita omeopatica

Le domande del medico omeopata si arricchiscono di una serie di quesiti che hanno come fine ultimo quello di spostare l’obiettivo della cura dal singolo sintomo o malattia del momento, alla persona intera intesa come malato. Proprio per questo il medico omeopata indagherà inizialmente alla ricerca di quei sintomi psicologici (paure, ansie, irritabilità, ecc.) e dell’intelletto (deficit di memoria, comprensione, ecc.) che più angustiano il nostro paziente; passerà poi a verificare le sue reazioni alle diverse condizioni atmosferiche, l’effetto dei soggiorni al mare o in montagna, quello del riposo e del movimento; valuterà quindi le preferenze alimentari e, all’opposto, quei cibi che provocano disgusto e repulsione; si soffermerà ancora sulla facilità o meno ad addormentarsi, l’esistenza di risvegli notturni e di sogni o incubi ricorrenti; passerà così ad analizzare la vita sessuale del paziente ed i possibili problemi ad essa legati; studierà infine tutte quelle secrezioni ritenute patologiche allo scopo di verificarne aspetto, colore, odore, ecc.

Tutto questo nel pieno rispetto di quella visione olistica dell’essere umano, proposta dalla Medicina Omeopatica, in virtù della quale quando un organo od una funzione sono alterati è in realtà l’organismo intero ad essere malato: la malattia è dunque solo la localizzazione finale di questo squilibrio generale; la guarigione definitiva potrà allora ottenersi solamente curando l’individuo in tutta la sua interezza.

Quando effettuare una visita omeopatica

E’ necessario effettuare una visita omeopatica tutte quelle volte che il disturbo, o la malattia da cui si è affetti, abbiano tendenza a recidivare con frequenza o comunque a cronicizzare: questo andamento, infatti, indica che l’organismo, a causa di una perturbazione permanente del suo fisiologico funzionamento, non è più in grado di pervenire spontaneamente alla guarigione. La visita, allora, ha lo scopo proprio di individuare tale perturbazione che, opportunamente trattata, permetterà alla persona di tornare in buona salute come effetto della ritrovata armonia funzionale dei suoi organi e dei suoi apparati.

domande omeopatia
Copyright©2002 Tutti i contenuti, anche parziali, presenti su www.omeopata.org non possono essere riprodotti senza autorizzazione.