Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Continuando la navigazione su omeopata.org senza modificare le impostazioni del browser, l'utente accetta tale utilizzo.

Accetto
Omeopatia Roma
omeopata.org Dr. Candeloro omeopata Omeopatia Hahnemann Indicazioni Guarigione link divulgazione contatti
romaexplorer

Il sogno, la parte di noi che ci precede...

 

raggiungerlo e custodirlo nel cuore, per non sentirne più la sofferenza del distacco
(di F. Candeloro - medico omeopata)


Come vincere il continuo saliscendi dei sentimenti dell'uomo, che ne frenano il suo benefico divenire

Ognuno di noi, nella propria esistenza, ricerca a tratti, con tutte le sue forze, di procurarsi periodi più o meno prolungati di gioia e contentezza, ma spesso finisce per imbattersi in un continuo sali e scendi di stati d'animo, che alla fine gli fanno preferire l'apparente tranquillità di una vita senza particolari pretese.
E in effetti molto spesso la rinuncia a vivere pienamente è proprio ciò che origina dal desiderio di non soggiacere più a questi continui sbalzi d'umore, alcuni dei quali caratterizzati anche da fasi di profondo malcontento, abbattimento e afflizione, fino a stati crepuscolari, o francamente depressivi, che fortunatamente, nella maggior parte dei casi, son destinati a limitarsi nel tempo.

Saremmo dunque disposti a ricercare la gioia, la felicità, e la gaiezza, solo se, ad un certo punto della nostra esistenza, qualcuno ci garantisse che questi stati possono effettivamente diventare permanenti, senza mai quell'alternarsi di fasi in cui spesso predominano, invece, sentimenti opposti. E così comincia a farsi strada quell'atteggiamento rinunciatario, spesso condito di diffidenza e sfiducia nell'altro e nella vita stessa, che ci conduce ad essere sempre attendisti, poco inclini a provare nuove strade e nuove esperienze, o, peggio ancora, determinati ad abbandonarle subito, se solo in esse fa capolino quest' alternanza di fasi.

L'attesa dunque di una felicità duratura, ci conduce nel tempo ad interromperne ogni ricerca, in una sorta di permanente disillusione, questa sì, per la vita e le sue promesse, che ci spinge così ad affrontarla in maniera quasi esclusivamente razionale, permeata a tratti da quel pessimismo che, col tempo, le toglie anche ogni residua possibilità del divenire.
E così, paralizzati prima nel cuore e, a poco a poco, anche nei gesti e nei sensi tutti, abbandoniamo presto un'esistenza da protagonisti a favore di una da eterni spettatori, in cui nel tempo rammarico e dispiacere per ciò che poteva essere, e non è stato, accompagneranno ogni istante della nostra vita in cui la semplice contemplazione di ciò che ci circonda, ci apparirà il riverbero e la proiezione di desideri rimasti inespressi.

A nulla in tutto questo varranno le esortazioni a vivere la vita, con tutte le sue contraddizioni, le possibili sofferenze, ma anche le gioie del meno atteso, di cui il creato è ricolmo per opera di quanti hanno continuato a leggere nel proprio cuore, e vi hanno scorto, sul fondo, quei sogni rimasti intatti, dando loro musicalità, poesia, lirica e narrativa, o trasferendoli in immagini incantevoli dell'arte figurativa.

Da ogni parte sollecitato, l'essere umano, deluso e stizzito nelle sue aspettative di gioia e di felicità imperiture, rifiuta così, sempre più ostinatamente, di aprirsi alla possibilità di percorrere le vie del sogno, e si rifugia così nell'ordinario molto comune, lasciando appassire giorno per giorno le sue speranze per una vita piena e totalmente gratificante. Al più si dedica a ricercare ricchezze materiali, peraltro mai sufficienti ad appagarlo pienamente, nel tentativo, più o meno consapevole, di sostituire al vuoto esistenziale che lo attanaglia, una pienezza fatta di oggetti di valore e di effimera magnificenza, che all'ebbrezza di pochi istanti sostituirà ben presto il disincanto di tutta una vita.

In questo quadro non certo esaltante, l'uomo di ogni epoca si trova a dover fare delle scelte, e in modo particolare il giovane di ogni epoca, che sente da un lato lo slancio verso la vita e le sue promesse, e dall'altro, però, il possibile fallimento dei suoi tentativi per realizzarle, specialmente quando le generazioni che lo precedono fanno dello scontento il loro modo quotidiano di esprimere quel disagio esistenziale di cui, in realtà, sono spesso vittime inconsapevoli.

La prima tentazione, allora, in questa prospettiva, è di gettarsi a capofitto nel godimento senza freni, cercando di ottenere dall'esistenza tutto quello che possa farci stare sempre bene, senza mai soffermarsi a pensare se la felicità di un attimo non possa essere l'altra faccia dello scontento futuro, laddove improntata al solo soddisfacimento immediato delle proprie pur lecite aspirazioni.

Certo l'errore è spesso necessario, e proprio per questo va tollerato, almeno inizialmente, e così anche le scelte dei più giovani a volte assecondate, ma sempre con la dovuta cautela di chi si sente comunque un perenne neofita dell'esistenza, e al tempo stesso mantiene intatta quella curiosità infantile di chi non si ferma alla prima esperienza piacevole, ma prosegue nella sua giocosa ricerca, giungendo solo così ad affinare, giorno per giorno, i sensi, che lo porteranno a saper godere, anche a distanza di tempo e di spazio, di sapori, odori, immagini e sensazioni, che solo allora potranno riempire a lungo, e beneficamente, il nostro essere.

La domanda a questo punto che ci si pone è questa: è lecito perseguire quella gioia sempiterna che contiene la gaiezza, la letizia, la magia e l'incanto della vita, oppure è meglio rifugiarsi in un mondo ordinario che ha molti partecipanti ma nessuno o pochi protagonisti, e così rimanere seduti a contemplare l'esistenza, quale in effetti dovrebbe essere, nel semplice riverbero di attimi di felicità altrui, che puntualmente faranno riemergere in noi il rammarico di una vita troppo presto abbandonata rispetto al suo pieno compimento?
E ancora: è umano allora pensare che i continui saliscendi della vita possano incoraggiare la persona a sedersi e aspettare che il suo destino si compia, come se nessuna azione spettasse a lui per favorire tutto questo?
La battaglia della vita, l'eterno conflitto tra l'essere e il divenire, tra l'avere per il possesso e l'avere per continuare a sperare e ad agire, si compie sul terreno dei nostri dubbi, delle nostre incertezze e soprattutto della paura di sembrare diversi, di inoltrarci per percorsi bui solo all'inizio, e dove pochi esseri come noi sembrano essersi incamminati prima.

Eppure una voce forte ci richiama, costantemente, alla vita, ci dice di non temere, di non aver paura di cadere e rialzarsi, di riprendere sempre e comunque quel cammino che a noi stessi vuole ricondurci, nella piena consapevolezza di un destino, che da sempre ci vuole protagonisti e immortali. Forse nessuno di noi può dire con certezza se esista o meno una felicità duratura e a tratti quasi imperturbabile, ma è certo che il cammino che ci invita a non lasciarsi scoraggiare dai continui alti e bassi della vita, contiene in sé una promessa di gioia che, anche se per pochi attimi, saprà a tal punto emozionarci, da farcela di nuovo desiderare ogni volta che la sua immagine si disperderà nella polvere dell'inquietudine umana, che mette così rapidamente in fuga i nostri sogni e le nostre più autentiche aspirazioni.

Abbandonarsi a questa promessa di gioia è dunque lasciarsi vincere a tratti dal grigiore di un'esistenza senza cuore, per poi nuovamente sentire, più forte, il richiamo a quella vita per la quale siamo stati creati, immagine, così, sempre meno sfocata di un'esistenza incantevole, in cui cuore, mente e anima saranno per sempre orientati a quel sogno, che solo così potrà finalmente divenire realtà.

Tornare a vivere, dunque, con nel cuore questo imperituro sogno di tenerezza e purezza celestiale, è il solo modo per anestetizzare il continuo saliscendi della vita umana, incarcerata dai lacci delle convenzioni sociali, ma finalmente libera di innalzarsi lì dove tutto il nostro essere ritrova senso e incorruttibile sostanza.
 

domande omeopatia
Copyright©2002 Tutti i contenuti, anche parziali, presenti su www.omeopata.org non possono essere riprodotti senza autorizzazione.