Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Continuando la navigazione su omeopata.org senza modificare le impostazioni del browser, l'utente accetta tale utilizzo.

Accetto
Omeopatia Roma
omeopata.org Dr. Candeloro omeopata Omeopatia Hahnemann Indicazioni Guarigione link divulgazione contatti
romaexplorer

La prevenzione in omeopatia

 
L'omeopatia è in grado di effettuare un incisivo intervento di prevenzione nei confronti delle predisposizioni patologiche di ciascun individuo, in virtù del fatto che fa suo il principio secondo il quale gli esseri umani, in base all'aspetto esteriore, possono essere classificati in un numero limitato di tipologie o costituzioni.

Per costituzione s'intende proprio l'insieme di caratteri morfologici, psichici e funzionali, legati principalmente a fattori ereditari, che differenziano un individuo dall'altro.

La dottrina delle costituzioni umane, intuita da Ippocrate, nel corso dei secoli si è andata arricchendo degli studi e dell'apporto di numerosi autori, tra i quali spiccano Martiny (classificazione su criterio embrionale) e N.Pende (classificazione su criterio endocrinologico).

In Omeopatia la classificazione universalmente adottata è quella di Nebel e Vannier.
Essa mette in relazione i diversi biotipi alle patogenesi di tre importanti rimedi, comunemente utilizzati in terapia: calcarea carbonica (costituzione carbonica), calcarea phosphorica (costituzione fosforica) e calcarea fluorica (costituzione fluorica). A queste tre tipologie Henry Bernard ne affiancò una quarta, che rappresenta la costituzione ideale, quella sulfurica, in analogia con un altro rimedio comunemente utilizzato: sulfur.

Per facilitare il lettore nella ricerca della propria costituzione, qui di seguito riporterò i caratteri principali che differenziano un biotipo dall'altro, suddividendoli in:
- Normolineo
- Brevilineo
- Longilineo


Normolineo
Corrisponde alla costituzione sulfurica.
Il peso della persona è medio, l'atteggiamento complessivo misurato e armonioso.
Il viso è rettangolare con equilibrio fra le singole parti. I denti sono quadrati e l'occlusione è buona.
Arti ed estremità sono sostenuti da una buona tonicità muscolare.
Psichicamente si tratta di soggetti ottimisti, allegri, curiosi, che hanno bisogno di muoversi. Posseggono grande resistenza al lavoro fisico e mentale.
Vanno facilmente incontro a manifestazioni congestizie, spastiche e suppurative. Spesso è coinvolta la cute (eczemi, dermatite seborroica, psoriasi); frequenti anche le manifestazioni allergiche (orticaria, oculorinite, asma bronchiale).
Sono soggetti calorosi con la tendenza ad avere aumenti improvvisi della pressione arteriosa.
Nel tempo coloro che appartengono a questa costituzione possono andare incontro a modificazioni del loro aspetto esteriore, assumendo caratteristiche fisiche che li avvicineranno rispettivamente alla costituzione brevilinea (per aumento di peso) od a quella longilinea (per improvviso dimagramento).


Brevilineo
Corrisponde alla costituzione carbonica.
Il soggetto in questione tende sicuramente al sovrappeso.
Il viso è rotondeggiante con predominanza del piano inferiore (orale). I denti sono quadrati e ben impiantati.
Gli arti sono corti con mani molle e carnose, dal palmo quadrato. Presenta una certa ipotonia muscolare, cui si contrappone una discreta rigidità legamentosa ed articolare, che non gli permette di distendere completamente l'avambraccio, o di toccare con le mani le punte dei piedi senza piegare le ginocchia.
Psichicamente è un soggetto diligente, metodico, preciso e paziente, regolato dalla legge del minimo sforzo.
Andrà principalmente incontro a patologie di tipo metabolico (obesità, diabete, ipercolesterolemia, gotta e calcolosi).
E' un soggetto freddoloso, che però teme il calore; è molto sensibile all'umidità.


Longilineo
Corrisponde alla costituzione fosforica.
E' un soggetto solitamente magro e comunque facile al dimagramento.
Il viso è allungato con predominanza del piano frontale. I denti sono rettangolari e facili alle carie.
Gli arti sono lunghi e sottili con mani eleganti dalle dita affusolate. I muscoli sono ipotonici ed è presente una certa lassità legamentosa, che lo predispone ad alterazioni della statica vertebrale (scoliosi, cifosi, ecc.). Il torace è stretto con scapole alate.
Psichicamente è dominato dall'ipersensibilità nervosa e dalla facile affaticabiltà. Ha orrore per tutto ciò che è ordine e monotonia. Temperamento artistico.
Le malattie infiammatorie che coinvolgono le prime vie aeree sono molto frequenti, così come le varie forme di difficoltà digestiva e le irregolarità dell'alvo. E' il soggetto sempre malaticcio ma mai gravemente malato. Predisposizione alla tubercolosi ed agli pneumotoraci. Ipotensione arteriosa.
Ha una tipica instabilità termica con sensibilità al freddo, ma aggravamento negli ambienti chiusi con bisogno d'aria aperta.

domande omeopatia
Copyright©2002 Tutti i contenuti, anche parziali, presenti su www.omeopata.org non possono essere riprodotti senza autorizzazione.